Madagascar: boom fecondazione in vitro, anche grazie a italiano

In Madagascar, o meglio nella Capitale Antananarivo, si stanno moltiplicando i centri di procreazione medicalmente assistita. Tra questi, particolare risalto sui media ha avuto il Centre médical et maternité Mimosa C3m, che si avvarrà della collaborazione col ginecologo milanese Leonardo Formigli, specialista in riproduzione umana. Il medico non solo è stato pioniere della fecondazione in vitro nel nostro Paese, ma fece anche parte dell’équipe che, nel 2013, seppe esportare le tecniche di fecondazione artificiale sino in Madagascar. All’epoca Formigli – noto anche come regista della prima ovodonazione tra sorelle – collaborò, infatti, sia col pionere malgascio Andriantsirombaka Rakotobe Andriamaro, sia col professor Safa Al-Hasani, che seguì la prima «mamma in provetta» della Germania.

Sull’Isola, i primi «bimbi in provetta» nacquero così nel settembre del 2014, per superare, ai nostri gironi, quota 160. E risulta che ricorrano ai centri malgasci anche coppie provenienti dall’Africa, e addiruttura dall’Europa. I costi per affrontare l’intervento superano di poco i 4800 euro, e sono mediamente più bassi che altrove, ma lo specialista italiano ha assicurato di voler offrire un servizio ancor meno costoso: «Renderemo disponibile la fecondazione in vitro a quante più persone possibile. Pertanto, vogliamo organizzare un’assistenza, i cui costi saranno più bassi rispetto ad ora».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...