Si punta sulla Baia di Moramba, l’Ha Long malagasy (foto Salgado)

Con la ripresa del turismo in Madagascar, le istituzioni non si limitano a promuovere il Paese nel complesso. Spesso, per trainare l’intero settore, si scelgono specifiche mete, magari poco note. E’ il caso della suggestiva Baia di Moramba, in una penisola del Nord-Ovest, tra Mahajanga e Nosy Be. Grazie alle bizarre formazioni calcaree che emergono dal mare, è paragonata alla Baia di Ha Long in Vietnam, ove però non vi sono i baobab sulla riva del mare. I fondali delle acque sono spettacolari, così come il gioco di colori del mare, che spazia dal blu al turchese al verde. Sorprendente anche la fauna, con lemuri, tartarughe marine e balene.

E c’è anche un villaggio di pescatori, le cui famiglie sono isolate dalla terraferma, giacché si può accedere alla Baia solo via mare. Questo angolo di paradiso, nel 2010 ha ospitato anche il celebre fotografo brasiliano, Sebastião Salgado. E le immagini create nell’occasione sono poi state riunite nel progetto di culto Genesis, che raccoglie gli scatti realizzati nel corso di 25 viaggi, tra il 2003 e il 2011. Così descrive la foto sopra, il catalogo italiano della mostra: «Isola vulcanica sospesa come una grande nuvola artificiale, un’eruzione dal mare o dal sottosuolo, una visione, un sogno, un’immagine, irreale fluttuante a tratti nella memoria si materializza, si rende manifesta, riappare lì d’un tratto come in un sogno ad occhi aperti».

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...