Lotta alla carestia in Madagascar, focus su contributo Francia

La carestia, kere in malgascio, continua a devastare gran parte del Sud del Madagascar. E’ quindi opportuno un approfondimento dedicato all’impegno della Francia, l’ex madrepatria, per contrastare il fenomeno. In particolare faremo riferimento ai dati resi noti a fine giugno dall’Ambassade de France à Madagascar, in occasione del viaggio del suo titolare Christophe Bouchard nelle aree più colpite: ovvero nella Regione Atsimo Andrefana. Ebbene, risulta che Parigi ha contribuito – tra il 2021 e giugno 2022 – con oltre sette milioni e 600mila euro, destinati a più enti. Nello specifico sono affluiti tre milioni e 130mila euro nel 2021 e quattro milioni e 500mila quest’anno.

Lo scorso anno, sono stati sostenuti i progetti di Action contre la faim (Acf) Madagascar, di Humanité & inclusion – Programme Madagascar, del Groupe de recherche et d’échanges technologiques (Gret) Madagascar, nonché del Programma alimentare mondiale (Pam), i cui funzionari hanno accompagnato l’ambasciatore in visita. Quest’anno i fondi hanno beneficiato in primis il Pam: nella misura di un milione e mezzo, è stata finanziata l’iniziativa Miaro, destinata alla cura e prevenzione della malnutrizione acuta tra i bambini. Il resto dello stanziamento è stato indirizzato a Acf, Humanité & inclusion – Programme Madagascar, Gret, Médecins du monde, e Care international, che hanno fornito aiuti alimentari d’emergenza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...