Cosa vogliono gli Stati uniti dal Madagascar?

Giorni fa, Claire Annette Pierangelo – la nuova titolare dell’United states Embassy in Madagascar & Comoros – ha presentato le lettere credenziali al presidente Andry Rajoelina, potendo così rappresentare a pieno titolo la Superpotenza a stelle e strisce nell’Isola rossa. Tra le prime attività dell’ambasciatore, la visita al primo ministro Christian Ntsay, cui ha riaffermato – in una prospettiva di continuità – le priorità statunitensi nei rapporti con l’Isola: ovvero, il rispetto delle regole democratiche (un tema delicato, a un anno dalle Elezioni generali), quindi la protezione dell’ambiente, i progetti di elettrificazione rurale, e la promozione della vaccinazione.

Il premier ha ricevuto anche le visite di saluto degli ambasciatori di India e Svizzera, che a breve abbandoreranno l’incarico. L’ambasciatore indiano, Abhay Kumar, ha dichiarato che proprio «la fraternità ha contraddistinto in modo particolare i rapporti tra Madagascar e India», quindi ha aggiunto che «5000 tonnellate di riso e 15mila biciclette sbarcheranno presto al porto di Toamasina». Da parte sua, invece, il titolare della missione diplomatica elvetica, Chasper Sarott, ha spiegato che «i rapporti tra i due Paesi sono stati segnati soprattutto dalla realizzazione di opere sociali», chiarendo tuttavia che anche «gli scambi riguardanti la politica e l’economia, hanno ugualmente marcato questa relazione».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...