Oro e voli, è scontro tra Madagascar e Sudafrica

Nonostante la decisione di riaprire i confini – in linea con l’attenuarsi delle misure anticovid – le Autorità del Madagascar continuano a chiudere i cieli al Sudafrica. Questa volta però il bando – che non si limita al vettore Airlink, ma si estende a charter e voli privati – non dipende dal covid. Alla base vi è il raffreddamento dei rapporti tra i due Paesi, legato al noto sequestro di 73 chili d’oro. Le Autorità di Pretoria non hanno sinora restituito questo tesoro di provenienza malgascia, né tantomeno – adducendo cavilli giuridici – hanno dato seguito alla richiesta di estradizione dei contrabbandieri. I quali – secondo gli inquirenti dell’Isola – hanno contato su connivenze con esponenti infedeli delle Forze dell’ordine.

Per approfondire, rimandiamo al pezzo di Sandro Pintus per il sito “Africa express”, dal titolo «Madagascar blocca voli da Sudafrica: “Ridateci i 73 chili d’oro sequestrati”». Eccone l’inizio. «L’oro sequestrato vale 4,18 milioni di euro. “I tre hanno commesso un reato in Sudafrica la legge deve fare il suo corso” – dice Pretoria. Il Madagascar ha deciso di bloccare i voli provenienti dal Sudafrica. Ma cosa ha spinto il presidente malgascio, Andry Rajoelina, a rinunciare agli introiti provenienti dal turismo sudafricano? Ben 73,5 chili d’oro di contrabbando provenienti dal Madagascar e in transito nell’aeroporto internazionale OR Tambo, Johannesburg».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...