Guerra, la neutralità del Madagascar è un caso diplomatico

L’Occidente continua a esercitare pressioni nei confronti del Madagascar, come a voler accerchiare l’Isola sotto il profilo geopolitico. La neutralità dell’Ile rouge innanzi al conflitto tra Russia e Ucraina – testimoniata dall’astensione nel voto presso le Nazioni unite, e dal recente accordo con Mosca che prevede anche una partnership militare – sembra sfociare nel caso diplomatico. Secondo informazioni comunicate dal Ministero della Difesa nazionale, una carovana di diplomatici – presumibilmente arrabbiati e minacciosi – giorni fa ha raggiunto la residenza del generale Richard Rakotonirina, il ministro della Difesa. Le vie del quartiere Andohalo di Tana, hanno dunque visto sfilare una delegazione composta, tra gli altri, dall’italiano Giovanni Di Girolamo, capo della Delegazione dell’Unione europea in Madagascar e nell’Unione delle Comore, da Amy Hyatt, incaricata d’affari presso l’Ambasciata degli Stati uniti, e da rappresentanti delle Ambasciate di Regno Unito, Francia e Giappone.

Il ministro ha riaffermato che i partner internazionali stanno attribuendo al trattato un’importanza eccessiva, trattandosi di un’intesa di tipo ordinario, e che i rapporti bilaterali Madagascar – Russia risalgono addirittura a cinquant’anni fa. Detto patto prevede fornitura e manutenzione di armi e altri equipaggiamenti militari, e più in generale il rafforzamento dell’esercito nazionale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...