Sui media italiani la storia di Cecilia, dal Fitovinany a Modena

I media italiani – specie gli emiliani – stanno raccontando, e con dovizia di particolari, la storia di Cecilia Pellicciari. L’infermiera modenese, dopo un impegno come volontaria in Madagascar che rimonta al 2005, è tornata nel Belpaese per gestire uno tra i centri vaccinali di Modena. In questa sede dobbiamo ovviamente segnalare questi racconti, dedicati alle sue responsabilità sanitarie presso l’Ospedale di Ampasimanjeva – Fondation médicale Ampasimanjeva (Fma). La struttura – situata nel Comune di Ampasimanjeva (Fitovinany), ove funge da locale Centre de santé de base (Csb), oltre che da Centre hospitalier de District – rientra tra i progetti sostenuti dal Centro missionario diocesano di Reggio Emilia, e beneficia dell’appoggio dell’Associazione reggiana Volontari nel mondo Rtm (Reggio terzo mondo): ossia l’organizzazione non governativa di volontariato internazionale di cui appunto fa parte l’infermiera Pellicciari.

Per approfondire, rimandiamo al pezzo del sito “Modenaindiretta”, dal titolo «Cecilia, da Modena al Madagascar per curare i malati. Video». Eccone l’inizio. «È la storia di un’infermiera dell’Ausl di Modena che nel 2005 è partita come volontaria in Africa. Una scelta che le ha cambiato la vita. Per Cecilia Pellicciari, infermiera dell’Ausl di Modena, partire per il Madagascar e mettersi a disposizione dei malati è stata una scelta che le ha cambiato la vita».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...