Città alta di Tana, rischio frane e sgomberi

In questi giorni d’inondazioni – che hanno sconvolto in particolare la Capitale, ma anche molte altre aree del Paese – si è accresciuto il pericolo di frane e smottamenti nella Città alta di Antananarivo. Nella collina di Manjakamiadana si sono così susseguite operazioni di evacuazione – condotte anche manu militari – giacché, almeno sino a pochi giorni fa, si contavano oltre mille e cinquecento abitazioni esposte al pericolo di crolli. I problemi interessano sia il versante occidentale sia orientale dell’area. In particolare, a Ovest sono in pericolo i quartieri di Amparibe, Ambatovinaky, Ankadilalana, Tsimialonjafy, Tsarafaritra e Ambanin’Ampamarinana, mentre a Est gli ordini di sgombero hanno interessato Ambohipotsy, Andohamandry, Ifaliarivo Ambanidia, Manjakamiadana, Andafiavaratra, Ambavahadimitafo, Ankazotokana Ambony e Ambohitsiroa.

«Gli indicatori di allarme locali mostrano che il terreno potrebbe crollare. L’insolito flusso d’acqua nelle rocce è il primo indicatore», ha dichiarato la ricercatrice Lala Andriamirado, del Bureau national de gestion des risques et des catastrophes (Bngrc). Sulla stessa linea Paolo Emilio Raholinarivo Solonavalona, direttore degli Études et de gestion des risques dello stesso ente: «Vediamo che l’acqua nelle parti più alte filtra tra le rocce. Questa situazione diventa sempre più visibile ai piedi della collina sul versante occidentale».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...