Cielo stellato? Nulla da fare, se non si va in Madagascar

Secondo lo studio “The new world atlas of artificial night sky brightness” – che realizza il primo atlante dell’inquinamento luminoso, ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Science avances” – sono tre i Paesi il cui cielo appare quasi incontaminato dal fenomeno: Ciad, Repubblica centrafricana e Madagascar. Al contrario, gli Stati con i cieli più luminosi sono Singapore, Arabia Saudita e Corea del Sud. Per quanto riguarda l’inquinamento luminoso in Italia (il fenomeno occorre quando la luce prodotta artificialmente dall’uomo altera i livelli di luminosità naturale degli ambienti notturni), l’area più buia è l’Isola di Montecristo, che precede la Maremma.

All’opposto, troviamo la Pianura padana lombarda. Per approfondire e sognare i cieli stellati dell’Isola rossa, rimandiamo a un servizio di Elisabetta Murina, intitolato «Niente più cielo stellato? È colpa dell’inquinamento luminoso», e pubblicato sul portale “Masterx”. Eccone l’inizio. “«Io non so nulla con certezza, ma la vista delle stelle mi fa sognare». Nel 1899 a Saint Remy, in Francia, Vincent Van Gogh guardava fuori dalla stanza dell’istituto psichiatrico in cui era ricoverato e si lasciava ispirare dalla bellezza del cielo stellato. Il risultato fu uno dei suoi più celebri dipinti: La notte stellata. Qualche casa e un piccolo campanile che si fondono alla perfezione con un cielo blu pieno di luminose stelle”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...