Madagascar e Unione europea, finanziamenti in cambio di riforme

Giorni fa, un documento del Ministère de l’Economie et des finances del Madagascar ha riportato le dichiarazioni di Giovanni Di Girolamo, che guida la Delegazione dell’Unione europea in Madagascar e nell’Unione delle Comore. Secondo il diplomatico italiano, il Paese insulare avrebbe impiegato bene i più recenti finanziamenti provenienti dall’Unione europea, ossia le risorse dell’11° Fondo europeo di sviluppo (Fes), con cui è stato finanziato quanto previsto dal Programma indicativo nazionale (Pin) 2014-2020 riguardo al Madagascar: a suo giudizio, «i progetti e i programmi sono complessivamente riusciti a mantenere un livello soddisfacente», e tutto ciò «nonostante la pandemia».

Questi si sarebbe dimostrato altresì ottimista circa il proseguimento della cooperazione, per il settennato 2021 – 2027. «La cooperazione proseguirà nell’ambito del prossimo ciclo di programmazione 2021-2027 che è in fase di adozione», ha affermato l’ambasciatore dell’Unione europea, che tuttavia non ha mancato di dare suggerimenti alla controparte malgascia: «L’attuazione del programma indicativo pluriennale in Madagascar presenterà tuttavia alcune sfide. Un forte impegno delle autorità a realizzare le riforme strutturali sarà, tra l’altro, una delle condizioni preliminari per raggiungere gli obiettivi del programma indicativo pluriennale». Il prossimo stanziamento dovrà essere impegnato entro il 2024.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...