Caso Loacker: l’Aics la sostiene ma le associazioni non ci stanno

Crescono i malumori tra le associazioni italiane dedite alla cooperazione col Madagascar. Motivo? La decisione (luglio 2020) dell’Aics (Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo) – ente vigilato dalla Farnesina – di sostenere economicamente il progetto Vaniglia dal Madagascar, cui partecipa la nota azienda altoatesina Loacker. Un piano segnalato anche dai media locali: «I temi di responsabilità sociale e sostenibilità sono un punto cruciale anche per quanto riguarda i progetti inerenti la vaniglia. Da alcuni anni l’impresa familiare ha creato nuove solide fondamenta per l’approvvigionamento delle pregiate bacche di vaniglia. Nella regione di Sava, nel nord del Madagascar, Loacker collabora direttamente con piccoli gruppi di coltivatori di vaniglia».

Ebbene, secondo i volontari, le priorità dell’Agenzia dovevano essere diverse, in uno scenario dominato da carestia, e da immaginabili difficoltà economiche delle associazioni, nel realizzare i propri progetti. Per nulla ingenui ma consapevoli che l’azione dell’Aics non può esaurirsi in meri interventi caritatevoli di emergenza umanitaria – ma deve perseguire anche lo sviluppo economico delle aree interessate – condividiamo il rilievo. Di fronte alle sfide del Madagascar per una ripresa duratura – che beneficerebbe anche il nostro Paese – il sostegno a un’impresa già leader del proprio mercato, ci pare una nota stonata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...