Madagascar, il punto sulla malaria alla vigilia del vaccino

I media del mondo intero, alcune settimane fa, hanno riportato la notizia di un vaccino contro la malaria, approvato dall’Organizzazione mondiale della sanità per l’uso di massa nei bambini. Il Mosquirix della Glaxo Smith Kline (Gsk) ha un’efficacia limitata e richiede una triplice somministrazione entro il primo anno di vita, tuttavia, a detta degli esperti, potrebbe salvare comunque 23mila vite ogni anno. Facciamo quindi il punto su questa malattia parassitaria in Madagascar. E le notizie non sono buone, visto che gli specialisti segnalano una recrudescenza di casi, anche in aree solitamente ritenute a bassa trasmissione, come gli Hauts-Plateaux.

Fermo restando che ad esser più colpite e a presentare i tassi d’incremento più elevati, sono le aree costiere, (in particolare destano preoccupazione quelle nord-orientali). Inoltre alcuni Distretti dell’isola, in particolare nel Grande Sud, hanno registrato tassi di contagio superiori al 400 per cento. Veniamo però alle cifre rese pubbiche dal Ministero della Sanità pubblica. Ebbene, mentre i decessi del 2020 sono stati 600, a stupire sono stati soprattutto i due milioni contagi, che rappresentano quasi il doppio dei casi del 2019. La malaria è la prima causa di visita medica nei centri sanitari, e la prima causa di mortalità negli ospedali pubblici, rappresentando un grave ostacolo allo sviluppo sociale ed economico del Paese.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...