Dahalo, i cittadini si difendono da soli

Comune rurale di Marovitsika Sud, nella Regione Atsimo-Atsinanana: alcuni giorni fa i Dahalo hanno lanciato l’ennesimo attacco, per far razzia di bestiame e terrorizzare la popolazione. Questa volta però gli abitanti dei villaggi Ambohitsohy e Vohitsimbe erano armati, e la locale squadra di autodifesa era pronta: hanno così respinto gli assalitori – dopo una battaglia lunga sei ore – e inflitto loro gravi perdite. Ci descrive questa cruenta vicenda un servizio del portale “Africa rivista”, dal titolo «Madagascar, violenze per il bestiame provocano strage di civili». Ne segue l’incipit.

«Almeno 46 persone sono state uccise in Madagascar in attacchi di banditi nel comune rurale di Marovitsika, nel distretto di Befotaka Atsimo, nel sud-est della grande isola. Gli scontri sono avvenuti il 17 settembre tra 120 dahalo armati e la popolazione locale sostenuta da 4 elementi della gendarmeria. A dare la notizia della strage è stato ieri il ministro della Difesa nazionale, il generale Richard Léon Rakotonirina, che ha effettuato una missione nella parte meridionale del Paese. La stampa locale precisa che tra i morti vi sono sia aggressori sia abitanti della zona. Un rapporto provvisorio della gendarmeria afferma che sono stati uccisi 42 presunti dahalo e quattro abitanti del villaggio, tra cui un bambino di 10 anni. I razziatori di bestiame hanno anche dato fuoco a diverse abitazioni».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...