Incendi, le quattro contromisure del Madagascar

Il grave incendio che ha colpito il Parco nazionale di Ankarafantsika – nella Regione Boeny, in Madagascar – ha colpito molto l’opinione pubblica. E non solo per via degli irreparabili danni a flora e fauna locali, ma anche per le deficienze evidenziate, in quanto ai mezzi di monitoraggio e spegnimento. Tuttavia il caso ha voluto che proprio durante le ore più drammatiche delle fiamme, il Ministero dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile e l’organizzazione ambientalista Agora des paysages et des forêts de Madagascar (Alamino), pubblicassero un documento contenente tutta una serie di proposte per contrastare questa piaga.

Il testo contiene ben undici idee ambiziose, che parte dei media nazionali ha raggruppato in quattro macroproposte. A seguire, le presentiamo in sintesi. In primis, si suggerisce la creazione di un centro nazionale antincendio, che coordini le azioni per prevenire e combattere gli incendi boschivi. In secondo luogo, si chiede un maggior coinvolgimento delle forze dell’ordine, per supportare il monitoraggio e l’estinzione degli incendi. In terzo luogo si propone, a fini di sensibilizzazione, l’istituzione di una giornata nazionale contro gli incendi. Infine, il capitolo delle dotazioni di controllo e prevenzione: si consiglia un impiego sistematico di pattuglie, torri di avvistamento, immagini satellitari, e droni, oltre che delle barriere antincendio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...