Carestia, il grido di allarme del Pam

Un fotoreportage dal Distretto di Ambovombe, nella Regione Androy – pubblicato di recente su Facebook – ha scioccato il Madagascar intero: le immagini mostrano gli effetti più drammatici della carestia o kere, e persone che – per mangiare – sono costrette a bollire scarti di pelli, raccolti dai calzolai. Il Governo ha comunque reagito, ricordando che la Cellule de prévention et de gestion des urgences ha appena distribuito derrate alimentari nelle aree di Amboasary Sud e Ambovombe, mentre nei Distretti di Amboasary e Ambovombe, procede spedita la costruzione dei Centres de réhabilitation nutritionnelle et médicale.

In questo scenario, si è fatta vive pure la comunità internazionale, e il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale (Pam), David Beasley, ha rammentato come la carestia stia funestando ben quattro Paesi: oltre al Madagascar, il Sud Sudan, lo Yemen e l’Etiopia. Per appofondire, rimandiamo all’articolo «Cooperazione: direttore Pam, carestia già presente in Etiopia, Madagascar, Sud Sudan e Yemen», pubblicato dalla testata “Agenzia Nova”. Ne segue l’incipit. «La carestia già presente in quattro Paesi – Etiopia, Madagascar, Sud Sudan e Yemen – potrebbe diventare una realtà per milioni di persone in tutto il mondo in assenza di finanziamenti urgenti per scongiurare una catastrofe e dell’accesso alle famiglie tagliate fuori dagli aiuti a causa dei conflitti».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...