Il treno orange di Rajoelina in partenza dalla Svizzera

Dopo rinvii e ritardi, pare certo: i caratteristici vagoni della linea ferroviaria Lugano-Ponte Tresa saranno inviati Tana – il primo, il 10 luglio, l’ultimo a dicembre – ove opereranno su una linea che sta per essere elettificata. Jérôme Garcia, presidente di Arterail – l’impresa a cui il fornitore dei nuovi tram ha venduto l’usato – ha dichiarato: «Ad Antananarivo è stata lanciata una gara d’appalto per l’elettrificazione della linea». Invero alcuni esperti continuano a temere, circa il destino degli storici convogli, soprannominati Mandarinli: non sarebbe la prima volta, che analoghi materiali vengono inviati in Madagascar ad arrugginire.

E ciò soprattutto a causa dei costi proibitivi dell’energia eletterica, rispetto alle finanze locali. Naturalmente, la spedizione sarà successiva alla sanificazione: la bonifica speciale, per rimuovere – come impone la legge – ogni traccia di amianto. I vagoni saranno ridipinti di arancione, la tinta originaria: si tratta, infatti, di un progetto sponsorizzato dal capo dello stato, il cui partito ha come colore simbolo proprio l’orange. Per approfondire, rimandiamo al pezzo dal titolo “«A luglio il primo trenino salperà per il Madagascar»”, redatto da Stefano Pianca per il portale “Ticinonline”. Eccone l’incipit. “Le rassicurazioni della società francese che ha acquistato il vecchio materiale rotabile della Ferrovia Lugano-Pte Tresa”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...