Carestia Madagascar, ondata di vittime nel distretto di Ambovombe

La carestia o kere, che da tempo flagella il Sud del Madagascar, non dà tregua. In aprile – nel Distretto di Ambovombe (Androy) – si sono contati 22 morti: adulti e bambini sotto i cinque anni. Qui il tasso di malnutrizione acuta, nei bimbi sotto i cinque anni, supera il 27%; e secondo un documento del Programma alimentare mondiale, «la malnutrizione acuta che colpisce i bambini è quasi raddoppiata in quattro mesi e l’implacabile siccità nel Madagascar meridionale sta spingendo migliaia di persone sull’orlo della fame». Così l’80% della popolazione, in alcune zone, ricorre a «misure di sopravvivenza disperate come il consumo di locuste, frutti di cactus rossi crudi o foglie selvatiche».

Approfondisce il tema l’articolo intitolato «Il peso del Nord sul Sud del mondo. Il Madagascar è sull’orlo della carestia e rischia una catastrofe “al di là di ogni immaginazione”», redatto da Stefano Pagliarini per il portale “Today.it”. Eccone l’incipit. «Un paese da sempre colpito da una siccità che non dà tregua e che uccide perché, nel paese dell’Africa del sud, i bambini muoiono per malnutrizione acuta. “Servono aiuti, altrimenti sarà una catastrofe”. Siamo abituati a pensare come l’inquinamento, soprattutto da parte dei paesi della parte settentrionale del mondo, possa avere degli effetti negativi solo su chi lo produce, quali smog o l’aumento di problemi respiratori nella popolazione».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...