Mortalità materna in Madagascar, otto vittime al giorno

In Madagascar, il tasso di mortalità materna dipinge una realtà drammatica: ben otto donne, secondo un documento dell’United nations children’s fund (Unicef), muoiono ogni giorno come conseguenza di gravidanza o parto. Le vittime, in un anno, raggiungono cioè la cifra monstre di circa 2.900. E un’alta percentuale di decessi riguarda giovanissime ragazze, considerati gli elevati indici delle gravidanze precoci. Secondo poi l’Organizzazione mondiale della sanità, le complicanze alla base di queste tragedie sarebbero in linea generale prevenibili. Tutti dati che quest’anno hanno colpito molto l’opinione pubblica, ancora sotto choc per la morte, per parto, della giovane e famosa cantante, Taa-Tense.

Circa il Paese insulare, il documento Unicef riporta che «una delle strategie per ridurre questa mortalità è migliorare la disponibilità, l’accessibilità, la qualità e la fruizione di servizi che permettano il trattamento delle complicanze che possono insorgere durante la gravidanza e il parto. Tutti questi servizi sono noti con il nome generico di Soins obstétricaux et néonatals d’urgence (Sonu). Dal 2016, c’è stato un aumento significativo delle strutture sanitarie Sonu funzionali, passando dal sette per cento nel 2010 al 26 nel 2017».  Si aggiunge che in alcune parti del Paese, come il Sud-Ovest, «il 48 per cento delle ragazze tra i 15 e i 19 anni ha già partorito almeno un figlio».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...