Sperimentazione Cvo e proprietà curative, segnali positivi

Prosegue in Madagascar la sperimentazione clinica per indagare sulle proprietà terapeutiche del Cvo: il farmaco fitoterapico a base di artemisia, su cui ha puntato il Governo per il contrasto al Covid. Stando a fonti ufficiose, vi sono segnali positivi circa «la sicurezza e l’efficacia del Cvo curatif contro il Covid-19». Riferisce un addetto ai lavori che la sperimentazione «è partita il 18 gennaio, lo studio continua. È ancora troppo presto per decidere». Rimarca poi che la sperimentazione «rispetta scrupolosamente la buona pratica clinica», e ciò impedisce di comunicare sia «il numero di persone che hanno accettato di prendere parte allo studio sia il numero di persone che devono essere raggiunte per convalidare il processo».

Meno diplomatico il presidente di Pharmalagasy, l’azienda farmaceutica produttrice, Holijaona Raboana: «L’efficacia curativa di Cvo si attesta ora al 90 per cento. Un risultato ottenuto grazie a una collaborazione con l’Oms». L’obiettivo è anche quello di esportare, e «competere con i vaccini anti-Covid-19». E qualcosa ci dice che il via libera dell’Agence des médicaments de Madagascar sarà scontato. Ripercorre la storia del Cvo, il pezzo “Covid in Africa, sui rimedi delle piante «risultati molto incoraggianti, ma mancano i fondi»”, redatto da Marinella Correggia per il quotidiano “Il manifesto”. Eccone l’incipit.

«Le sperimentazioni avviate dall’oms».

3 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...