Crisi umanitaria al Sud, la situazione dei primi mesi del 2021

E’ d’obbligo fare il punto, dopo alcune settimane, sulla crisi umanitaria che fustiga il Sud del Madagascar. E riportiamo, a corredo, la foto in questi giorni virale, che mostra le gravi conseguenze della siccità e della desertificazione, nell’ultimo biennio. Ebbene, le cronache riferiscono che, in questa martoriata area, oltre 4.000 bambini sono stati in cura – a causa della malnutrizione – in gennaio e febbraio. Un dato che rappresenta il doppio rispetto al 2020. A lanciare il grido d’allarme, è stata l’organizzazione non governativa francese Action contre la faim (Acf). In particolare, a tre anni consecutivi di precipitazioni sotto la media – responsabile la crisi climatica – si sono aggiunte le conseguenze della pandemia: un mix letale.

«Questa è un’emergenza umanitaria in cui i bambini moriranno se non li prendiamo in custodia, e attualmente siamo uno dei pochi attori presenti sul campo a sostenere le autorità sanitarie locali. Il Madagascar meridionale deve affrontare una difficile stagione della fame ogni anno, ma la situazione attuale è molto più grave che negli altri anni», ha affermato il direttore delle operazioni di Acf nell’Africa meridionale, Valérie Ceylon. La quale rileva un altro fenomeno, relativamente recente: la deforestazione e gli incendi provocano erosioni e conseguenti tempeste di sabbia, che a loro volta finiscono per inghiottire i terreni agricoli.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...