Peste in Madagascar, i dati parziali della stagione

Dopo circa un anno, torniamo a fare il punto sulla diffusione della peste in Madagascar. Ebbene, risulta che tra l’agosto del 2020 e questo stesso mese, la malattia è stata diagnosticata a 40 persone. Mentre, tra i casi riscontrati, i decessi sono stati 14. Si osserva un netto miglioramento rispetto a un anno fa, quando il Ministero della Sanità pubblica – in riferimento ai sette mesi precedenti – aveva contato 83 casi e 23 decessi. In buona sostanza, nei sette mesi compresi tra agosto a febbraio, il numero dei pazienti colpiti si è dimezzato. «Siamo ancora nella stagione della peste. I casi aumentano tra agosto ed aprile. E’ questo, il periodo di elevata trasmissibilità», ha dichiararo alla stampa il dottor Hotahiene Raphaël, che guida la Direction de Lutte contre les maladies transmissibles (Dlmt) del Ministero della Sanità pubblica.

I focolai si sono registrati in 45 Distretti, appartenenti a tredici Regioni. E solo in 11 dei suddetti Distretti, i contagi risultano in aumento rispetto allo scorso anno. Nelle aree remote e rurali, causa principale della diffusione è la promiscuità tra animali domestici e esseri umani: queste condizioni accrescono il rischio di punture di pulci infette, e quindi di contagi. Si ritiene poi che l’aumento degli incendi boschivi – con la conseguente migrazione dei ratti infetti nelle aree abitate – possa ulteriormente aggravare il fenomeno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...