Insa Mohamed, il presunto attentatore di nuovo estradato

Giorni fa – e con una procedura quantomeno affrettata – il presunto attentatore comoriano Insa “Bouboucha” Mohamed è stato estradato da Mahajanga in Madagascar, alle Comore. Inevitabili le polemiche, per il rigetto della domanda di asilo politico, causa le possibili torture nei confronti dell’accusato. (Le Autorità malgasce hanno rimarcato l’esistenza sia di un mandato di cattura internazionale, sia di un accordo di cooperazione giudiziaria, che avrebbero imposto il tempestivo trasferimento, ndr). Se il Governo di Moroni considera Mohamed un terrorista – e l’organizzatore del fallito attentato del 23 aprile al presidente Azali Assoumani – l’opposizione reputa lo stesso leader, un feroce dittatore.

Una definizione condivisa da vari media, come la testata “Africa Express”. Al contrario gli oppositori comoriani considerano “Bouboucha” un valido politico, candidatosi anche alle Elezioni del 2019 per il Governo dell’Isola di Anjouan. Mohamed, come latitante, era già stato arrestato il 7 luglio in una moschea di Majunga. Estradato una settimana dopo – con le opposizioni a invocare un «rapimento» e un «sequestro di persona» organizzato all’estero – era fuggito in modo rocambolesco dal carcere di Moroni, il 15 novembre. Si dice, approfittando dal caos per la partita della Nazionale. Infine, l’arresto nella città malgascia di Antsohihy il 12 gennaio, e l’estradizione alcuni giorni dopo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...