Percezione della corruzione, Madagascar avanti adagio

Giorni fa, l’organizzazione internazionale non governativa Transparency international (Ti) ha pubblicato l’Indice di percezione della corruzione (Corruption perception index – Cpi) 2020. Premesso che l’attuale classifica si basa su dati del 2019, rileviamo che il Madagascar è riuscito a migliorare – seppur lievemente – la sua posizione, rispetto all’ultimo ranking. E’ risalito dalla 158° alla 149° posizione su 180, e ha accresciuto il punteggio, rimanendo però ancora distante dalla media africana, e dagli obiettivi di governo. La timida risalita è dovuta soprattutto ai buoni voti alle voci democraticità e stabilità politica.

In sostanza, gli esperti e i leader aziendali –  quelli sondati in quanto alla corruzione da loro percepita nel settore pubblico – hanno espresso approvazione per il clima pacifico delle ultime Presidenziali. Inoltre, un ruolo importante potrebbe averlo giocato anche l’impegno pubblico del capo dello stato, Andry Rajoelina, nel voler contrastare i fenomeni corruttivi. Il Paese insulare è appaiato a Camerun, Guatemala, Iran, Libano, Mozambico, Nigeria e Tagikistan, all’interno di una classifica dominata da Danimarca, Nuova Zelanda, Finlandia, Singapore, Svezia e Svizzera, e mestamente chiusa da Siria, Somalia e Sudan del Sud.

Riesce comunque a far meglio dell’Honduras, anche se appare alle spalle della caotica Repubblica centrafricana. L’Italia è 52°.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...