Investire in Madagascar, consigli utili – 47

Vittorio Conte, da oltre dieci anni in Madagascar, autore di vari libri, tra cui “Vivere felici in Madagascar con 500 euro al mese o creare un’attività con pochi soldi”, oltreché gestore del portale www.italiamadagascar.info , si occupa di assistenza legale e finanzaria. I suoi clienti sono in primis italiani che aspirano a trasferirsi nell’Isola rossa, come pensionati o imprenditori. Qui risponderà a una nostra domanda in sintesi, ma può fornire gratis ulteriori dettagli via e-mail, italiamadagascar@gmail.com , o Skype, azmadagascar , o Whatsapp: 00393500342209.

Ci può parlare delle zone franche in Madagascar, ovvero dello statut d’entreprise en zone franche?

«Sono aree – diffuse a macchia di leopardo, ma prevalenti a Antananarivo – ove si possono costituire imprese straniere, che godono di benefici fiscali e doganali. Retaggio del periodo coloniale, il loro obiettivo (invero non sempre perseguito) è favorire le produzioni destinate all’export. Sono disciplinate dalla legge n° 2007-037 – reperibile sul portale dell’Economic board of development for Madagascar – che regola gli ostici requisiti per accedere a questo regime. Aggiungo che le varie agevolazioni riguardano in sostanza solo i primi cinque anni di attività. Le entreprise franche sono circa 200, tutte elencate nel suddetto portale. Sino al 2008, queste aziende partecipavano alla ricchezza nazionale per il 5,4 per cento».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...