Madagascar e Dna, una scoperta importante

Segnaliamo una scoperta scientifica che ha avuto come scenario il Madagascar. Come riporta l’articolo apparso settimane fa sulla rivista “Plos one”, un team di ricercatori ha recuperato – ed è stata la prima volta – un frammento di materiale genetico, da insetti intrappolati in un pezzo di resina. La quale è stata estratta da un albero di ambra – ovvero Zanzibar copal, o East african copal – il cui nome scientifico è Hymenaea verrucosa. Obiettivo dei ricercatori, capire per quanto tempo il materiale genetico possa rimanere intatto, o quasi, nella resina. Per approfondire, riportiamo l’incipit del pezzo «Estratto per la prima volta DNA da insetti intrappolati nella resina», pubblicato su “Notizie scientifiche.it”.

«Un team di scienziati tedesco è riuscito ad estrarre, per la prima volta, il DNA da insetti intrappolati nella resina. Si tratta di due insetti intrappolati in due campioni di resina per periodi di sei e di due anni. La ricerca, realizzata dalla scienziata Mónica Solórzano-Kraemer del Museo di Storia Naturale e Istituto di Ricerca Senckenberg insieme ai colleghi David Peris e Kathrin Janssen dell’Università di Bonn, infonde nuove speranze sulla possibilità di poter estrarre il DNA da animali, di solito insetti, intrappolati in campioni di resina più vecchi, come lascia intendere lo studio che descrive il processo utilizzato dagli scienziati pubblicato su PLOS ONE».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...