Carestia al Sud, le cose da sapere

Nelle ultime settimane, siccità e carestia – in una parola, la fame – stanno di nuovo fustigando il Sud del Madagascar, specie le Regioni Anosy e Androy. (In quest’ultima – tra le aree più svantaggiate – ben il 94% della popolazione rurale vive al di sotto della soglia di povertà, mentre il 68% soffre ciclicamente d’insicurezza alimentare, ndr). La cifre ufficiali attestano nove decessi, per questa ondata di kere, ma gli operatori sul campo assicurano che il numero delle vittime sia molto superiore. Secondo gli esperti è una conseguenza – tra le più tragiche e visibili – del riscaldamento globale: le riserve idriche diminuiscono di anno in anno, i raccolti sono sempre più miseri, e il cactus Opuntia stricta è insufficiente per nutrire l’intera popolazione.

Risulta tuttavia che quest’anno la situazione sia ancor più grave del solito, e in certe aree non si registrano precipitazioni da nove mesi. Naturalmente si è mosso il presidente della repubblica – che nei giorni scorsi ha partecipato alla distribuzione di alimenti, offerti dallo Stato in collaborazione con il Programma alimentare mondiale (Pam) – ed anche il mondo della Cooperazione, specie francese. E non potevano mancare le polemiche sulla distribuzione: «Il cibo è davvero lì, negli hangar, davanti alla gente, ma viene distribuito solo a un piccolo gruppo di 500 persone a settimana», dichiara la cantante Talike Gellé.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...