Investire in Madagascar, consigli utili – 11

Vittorio Conte, da oltre dieci anni in Madagascar, autore di vari libri, tra cui “Vivere felici in Madagascar con 500 euro al mese o creare un’attività con pochi soldi”, oltreché gestore del portale www.italiamadagascar.info , si occupa di assistenza legale e finanzaria. I suoi clienti sono in primis italiani che aspirano a trasferirsi nell’Isola rossa, come pensionati o imprenditori. Qui risponderà a una nostra domanda in sintesi, ma può fornire gratis ulteriori dettagli via e-mail, italiamadagascar@gmail.com , o Skype, azmadagascar , o Whatsapp: 00393500342209.

Ci parla dei tranelli in cui cadono più spesso gli investitori? Uno è forse la mancanza di Cipens…

«In primis, sconsiglio di svolgere la propria attività senza la residenza in loco. Fare impresa col visto turistico – ma anche privi della Carte d’identité professionnelle des etrangers non salariés – comporta seri rischi, compresa la reclusione. Stesso discorso, quando si accetta – per evitare di uscire dal Paese dopo 90 giorni – la proposta di un falso rinnovo del visa de non-immigration. Che tra l’altro non permette di aprire un conto bancario, nè di siglare contratti di locazione. Ricordo che le Autorità sono intransigenti, nei casi di permanenza sul territorio dopo la scadenza del visto. E diffidare di chi promette di chiudere un occhio in cambio di una mancia, perché si può diventare vittime di ricatti continuati».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...