Deforestazione in Madagascar, tutti i dati

Il 5 giugno si è celebrata la Giornata mondiale dell’ambiente, e i media hanno ripetuto i numeri sulla deforestazione in Madagascar, che riportiamo anche qui. Il Paese ha subito, negli ultimi 60 anni, una significativa scomparsa del patrimonio forestale, con una diminuzione di quasi il 44% della superficie boschiva preesistente. Il dato è tratto da un noto articolo della rivista “Science direct”, firmato da un gruppo di scienziati guidati da Ghislain Vieilledent. L’aspetto preoccupante è che la linea di tendenza del disboscamento è in forte crescita. Secondo l’osservatorio Global forest watch, nel 2017 il Madagascar si è classificato al quarto posto, in termini di devastazione delle foreste: sono andati distrutti 510mila ettari, ossia il 3,8% dell’area ricoperta.

E tra il 2001 e il 2019 sono andati perduti 3,89 milioni di ettari, per una riduzione del 23% della superficie forestale esistente nel 2000. Le cause del fenomeno sono varie. In primis gli incendi degli allevatori per migliorare il pascolo, quelli per ripulire e bruciare la vegetazione invasiva, e l’ancestrale pratica contadina del tavy (o hatsake), per rendere fertile la terra. E poi gli incendi forestali veri e propri per guadagnare terreni coltivabili, quelli dei Dahalo (per condurre lontano e nascondere le mandrie rubate), la piromania, e infine la produzione di carbone, per ragioni di povertà e sopravvivenza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...