Coronavirus, dal Kuwait le vittime della tratta

Giorni fa sono sbarcate ad Antananarivo – provenienti dal Kuwait, con un volo di rimpatrio umanitario – 176 donne (e un bambino figlio di una di loro) in condizioni di vulnerabilità. Si è trattato del primo tentativo riuscito, da parte del Governo, di ricondurre in patria – causa emergenza coronavirus – i malgasci all’estero. Si è deciso appunto di dare la priorità a queste ex lavoratrici domestiche, che nel Paese del Golfo persico hanno subito maltrattamenti fisici o morali – sino allo sfruttamento lavorativo, agli abusi sessuali, e alla riduzione in schiavitù – e in certi casi hanno lasciato il Madagascar tramite organizzazioni dedite alla tratta di persone.

Secondo la portavoce del Ministero degli Affari esteri, Adèle Virginie Rahelisoa, «la maggior parte di queste donne è priva di documenti ed è stata vittima di attacchi fisici e verbali, che hanno costretto alcune di loro a fuggire, altre sono state vittime della tratta di esseri umani». Il rimpatrio, frutto della collaborazione tra i Governi kuwaitiano e malgascio, è dunque legato alla tratta di persone. Reti criminali – spesso gestite da malgasci – intermediano per l’invio di connazionali – con la prospettiva di un lavoro domestico ben remunerato – in alcuni Paesi arabi (specie Kuwait, Libano, Oman e Arabia saudita).

Lì il soggiorno degenera in abusi d’ogni tipo e spesso in fughe in Commissiariati o Ambasciate straniere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...