Investire in Madagascar, consigli utili – 6

Vittorio Conte, da oltre dieci anni in Madagascar, autore di vari libri, tra cui “Vivere felici in Madagascar con 500 euro al mese o creare un’attività con pochi soldi”, oltreché gestore del portale www.italiamadagascar.info , si occupa di assistenza legale e finanzaria. I suoi clienti sono in primis italiani che aspirano a trasferirsi nell’Isola rossa, come pensionati o imprenditori. Qui risponderà a una nostra domanda in sintesi, ma può fornire gratis ulteriori dettagli via e-mail, italiamadagascar@gmail.com , o Skype, azmadagascar , o Whatsapp: 00393500342209.

Nella piccola impresa, quanto pesano il costo del lavoro, e più in generale la pressione fiscale?

«Il costo del lavoro incide poco, ma facciamo l’esempio del piccolo ristorante con quattro dipendenti. Esso sarà gravato per 900mila ariary mensili, compresi i modesti contributi previdenziali e assicurativi. 300mila riguarderanno il cuoco, mentre per i due aiutanti tuttofare e il cameriere di sala si spenderanno 200mila a testa. Una spesa che non supererà il cinque per cento di un fatturato minimale di 18 milioni. Per quanto riguarda la fiscalità, si parte dal regime forfettario di 360mila annui, che significano una percentuale sul reddito insignificante. Imposte che comunque aumenteranno di poco, con la crescita dei guadagni. La tenuta della contabilità è poi elementare, senza i formalismi che conosciamo in Italia».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...