Poesia del Madagascar, il saggio di Lionello Fiumi

Pochi sanno che uno dei saggi più approfonditi sulla poesia del Madagascar è stato scritto dal poeta, romanziere, traduttore e giornalista italiano, Lionello Fiumi, nel 1929. Lo scritto fu pubblicato nel “Giornale di Genova”. Prima di rimandare all’incipit dello studio, segnaliamo, per i romantici, alcune popolari poesie d’amore, rigorosamente malgasce.

«Poesia del Madagascar di Lionello Fiumi Una rivelazione – J.J. Rabearivelo, l’araldo dei poeti madagascariani – Profumo di vecchie canzoni – Le agapi alla corte della Regina – Gli autori odierni Parigi, maggio. Poesia? Noi sapevamo, dalle nostre vaghe reminiscenze scolastiche, che la grande isola africana, la terza del globo, dopo Borneo e la Nuova Guinea, grande come due Italie messe insieme, è fertile di riso, caffè, cacao, vaniglia, manioc… Ma di poesia? Pensavamo che unica poesia, per quei paraggi, fosse quella fiorita dalla vicina isola di Maurizio, intorno al casto idillio immortale di Paolo e Virginia… Ebbene. Ricrediamoci. I madagascariani, che, si sa, vennero dall’Asia – e furono dapprima i malgaches, di razza indo-melanesiana, pelle bruna e capigliatura cresputa, poi gli hovas, di razza gialla, parenti dei giavanesi, conquistatori ed aristocratici – hanno tutta una tradizione di vecchi canti indigeni ed oggi addirittura uno sboccio di poeti letterari autoctoni, del più alto interesse e totalmente ignorati in Europa».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...