Esce la docufiction “Il Madagascar ai tempi del virus”

Esce in queste ore il documentario “Il Madagascar ai tempi del virus”, che ho realizzato col montatore Nicolas René. Siamo a Mahajanga – città portuale e turistica del Madagascar, affacciata sul Canale del Mozambico – ai tempi della pandemia. Chiederemo come la Cité des fleurs – la quarta per popolazione nel Paese – convive col periodo di coprifuoco ed emergenza sanitaria. Adesso siamo in fase di deconfinamento, ma il ritorno alla normalità è lontano: specie per la chiusura delle frontiere, internazionali e regionali. Nella città, dal promontorio ove riprendiamo, si può ammirare uno dei più bei lungomari malgasci.

Il docufilm non poteva trascurare il Bazar Mahabibo, uno dei tre grandi mercati cittadini: vi si vende di tutto, ma il suo forte sono pesci e crostacei. Gli altri mercati sono il Bazar-Be, specializzato in artigianato, e quello di Tsaramandroso, per i legumi. Chiederemo lumi su come le misure legate al coronavirus hanno inciso sui commerci. Infine, restando nel quartiere di Mahabibo, si osserva la moschea Joumou’a, quella «dei comoriani». Proprio in questi paraggi, nel dicembre 1976, andò in scena la cosiddetta Rutaka o Rotaka: in soli tre giorni, membri di alcune etnie malgasce massacrarono duemila comoriani residenti nel Paese, per una contraversia nata da futili motivi.

Qui chiederemo come la comunità islamica vive il Ramadan, con le moschee chiuse per l’epidemia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...