Pasqua in Madagascar, pandemia ed ecumenismo

Quest’anno, causa coronavirus, neppure in Madagascar hanno luogo le adunate oceaniche per celebrare la Pasqua. I culti vengono trasmessi da radio e televisione, causa la chiusura degli edifici religiosi. Il Consiglio delle chiese cristiane del Madagascar (Fiombonan’ ny fiangonana kristianina eto Madagasikara – Ffkm), che rappresenta cattolici, luterani, anglicani e calvinisti, ha così colto l’occasione per rafforzare l’ecumenismo che lega i cristiani malgasci. E all’interno dell’organismo, i leader delle confessioni hanno definito un programma, che consente ai fedeli di celebrare comunque la festa, sia pure da casa.

«Questo accordo è stato fatto in modo che tutti i cristiani in Madagascar possano celebrare la Pasqua a casa», ha detto Irako Andriamahazosoa, presidente della Chiesa riformata calvinista del Fiangonan’i Jesoa Kristy eto Madagasikara (Fjkm). Le quattro confessioni del Conseil des églises chrétiennes de Madagascar hanno diretto così a turno le celebrazioni della Settimana santa. La Chiesa cattolica romana ha presieduto il culto ecumenico di lunedì, mentre la Chiesa anglicana ha officiato la messa di martedì. Mercoledì è stata la volta della Chiesa luterana, e venerdì della Chiesa riformata (calvinista).

Per la celebrazione dell’Ultima cena del Giovedì santo, si è invece optato per un culto ecumenico tout court, quindi non si è svolto il Rito della lavanda dei piedi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...