Aborto in Madagascar, il punto

Poiché lo scorso 28 settembre – Giornata internazionale dell’aborto sicuro – non eravamo online, rimediamo. E in sintesi spieghiamo la situazione in Madagascar, circa l’interruzione volontaria della gravidanza. Ebbene, la pratica è illegale anche in caso di stupro, ma sovente vi si ricorre in clandestinità. Così si legge sul Rapporto annuale 2017 – 2018 di Amnesty international: «L’aborto è rimasto un reato in tutte le circostanze ai sensi dell’art. 317 del codice penale. Chiunque praticasse o tentasse di praticare un aborto era punibile con una pesante ammenda e rischiava fino a 10 anni di carcere».

Insomma si tratta di un grave problema di salute pubblica, che coivolge ogni ceto. «Secondo le statistiche del Ministero della Sanità, il numero di aborti è stimato in 75mila l’anno. Ogni anno muoiono non meno di 600 donne e ragazze. Le condizioni di sicurezza sono insoddisfacenti, e portano a complicazioni fatali, che sono dovute in particolare all’eccessiva perdita di sangue, durante o dopo l’operazione», dice Mireille Rabenoro, presidente della Commission nationale indépendante des droits de l’homme (Cnidh). Secondo altre testimonianze, la situazione sarebbe anche peggiore: «Poiché gli aborti vengono eseguiti clandestinamente, queste statistiche non riflettono la realtà. Questi casi identificati riguardano solo le donne che si sono recate presso gli ospedali dopo complicazioni».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...