Il Madagascar secondo Nonciclopedia

Per mitigare l’ansia che domina in queste giornate, anche nell’Isola rossa, segnaliamo l’incipit della voce “Madagascar”, nella “Nonciclopedia”. Che si autodefinisce come «un’enciclopedia online, parodia di Wikipedia, collaborativa, libertina, ma timorata del Signore».

«Il Madagascar è un noto locale della costiera romagnola, nonché un materassino gigante che galleggia a destra dell’Africa, ma a sinistra dell’Australia. Storia. In origine il Madagascar era un materassino gonfiabile gigante posto vicino al continente africano. La scivolosità tipica della natura del materassino gli ha anche dato il nome che noi tutti conosciamo, infatti proviene dall’espressione dialettale locale M’ha da cascar, che tradotto in italiano ha un significato tipo “mi deve scivolare” o anche “acciderbola”. Il Madagascar agli inizi era una costruzione messa su da uno dei tre porcellini per sfuggire al lupo Ezechiele, fatta con sterco di gatto rinforzato da piadine ripiene di vitello tonnato. Il lupo Ezechiele cercò di demolirlo con una gru dal becco giallo, ma all’ultimo momento la gru fuggì con un bagnino cinquantenne di Milano marittima. Così il Madagascar rimase al suo posto fino alla fine del XV secolo, quando Giovanni Muciaccia provò a tagliarlo con forbici dalla punta arrotondata, ma nel tentativo forò il Madagascar che perse stabilità e iniziò a galleggiare, diventando così una nave».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...