Coronavirus e Ile rouge, turismo in picchiata

Un recente studio del World travel and tourism council, stima in almeno 22 miliardi di dollari il calo delle entrate del settore turistico – nel mondo intero – a causa del coronavirus. Non solo il Madagascar non sarà risparmiato dal crollo, ma lo subirà con durezza, essendo il turismo un pilastro dell’economia nazionale. Ebbene, anche se l’epidemia non ha ancora messo piede nel Paese, il comparto turistico sta già registrando un dimezzamento delle entrate. Il dato proviene da un rapporto dell’Association des agences de voyage de Madagascar, che parla anche del 30% di cancellazioni e del 70 di rinvii. Non solo, nell’anno in corso non sarà raggiunto l’obiettivo del mezzo milione di visitatori; ma gli operatori di settore temono che a fine 2020 il numero di arrivi si riduca in modo drammatico.

«Le cancellazioni continuano ad arrivare, e non ci sono nuove prenotazioni», dichiara il proprietario di un noto tour operator di Antananarivo. Se tra le righe alcuni imprenditori criticano la durezza delle misure di prevenzione, va notato che con un eventuale inizio dei contagi lo scenario diverrebbe ancor più cupo. C’è infatti chi si chiede: come farà il Paese a controllare questa malattia molto contagiosa, con la carenza di maschere e gel disinfettanti nelle farmacie, le limitate capacità di accoglienza nelle strutture sanitarie, e la promiscuità cui la popolazione è abituata?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...