Madagascar, i confini restano aperti. Per ora

Ieri si è svolta la riunione governativa per decidere le contromisure di fronte all’emergenza coronavirus. Nonostante da più parti – dal leader dell’opposizione, sino a vari settori della maggioranza ed esponenti della comunità scientifica – si invocassero misure di blocco dei confini, per ora si è deciso di non affondare il colpo. E i più critici hanno parlato di «mesurettes». In aggiunta ai precedenti divieti, si è in primis decisa la disinfestazione verso persone e merci in entrata. Poi si è disposta la quarantena per chi provenga dai dipartimenti della Francia, fortemente colpiti dall’epidemia. A seguire la risposta di Rinah Rakotomanga, direttrice delle Comunicazioni della Presidenza, dinnanzi alle osservazioni più scettiche, e favorevoli al blocco di voli e frontiere: «Economicamente parlando, non è praticabile per noi. La tendenza è già verso la recessione economica, quindi non è fattibile per noi prendere decisioni volte a chiudere definitivamente i nostri territori. Siamo un’isola, quindi è impossibile».

Charlotte Ndiaye, rappresentante dell’Organizzazione mondiale della sanità in loco, ha avallato la posizione: «Pensiamo che il Paese debba prepararsi ad affrontare dei casi, ma che non debba chiudere i suoi confini, ci sono famiglie fuori, ci sono traffici economici; e la chiusura delle frontiere può avere un impatto negativo sull’economia, che è in una buona fase».

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...