La Chiesa cattolica teme l’«islamizzazione»

Il portale cattolico “Aleteia” ha pubblicato giorni fa un’intervista al vescovo di Port-Bergé, Georges Varkey Puthiyakulangara. E’ molto esplicita nel sintetizzare quali siano le priorità della Chiesa cattolica malgascia in questo momento. Intanto qualche premessa. I seguaci di Santa romana Chiesa, sull’Isola rossa, rappresentano circa un quarto della popolazione, un numero simile rispetto ai protestanti. Mentre la maggior parte pratica l’animismo tradizionale, basato in particolare sul culto degli antenati. Il titolo dell’articolo è «In Madagascar “la Chiesa si confronta con l’islamizzazione del Paese”», e indica esso stesso, con chiarezza, quale sfida il clero locale consideri prioritaria.

Riportiamo un brano delle dichiarazioni del vescovo. «Le relazioni con i musulmani sono state buone, ma da qualche tempo vediamo islamisti. Siamo di fronte all’islamizzazione del Paese. Il numero di musulmani è in forte aumento: prima c’erano solo comoriani, pakistani e alcuni malgasci, ma ora alcuni arrivano dall’estero, non sappiamo come, e anche le assunzioni vengono effettuate nel Paese. Le moschee sono costruite ovunque. C’era un accordo con il Governo per costruirne 2.400! Nella mia diocesi, ad esempio, non ci sono musulmani, ma molte costruzioni di moschee. Vengono anche per convertire le persone, fondano scuole coraniche e offrono borse di studio per i bambini che vi si recano».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...