Opposizione in Madagascar, secondo “Financial Afrik”

Segnaliamo oggi un bel servizio dedicato all’opposizione in Madagascar: pubblicato sulla testata finanziaria “Financial Afrik” il 4 marzo, è firmato da Albert Savana, ed è intitolato «A Madagascar, une opposition qui se radicalise?». Ebbene sì, siamo in sintonia con gran parte dei contenuti espressi, ma siamo altrettanto certi che manchi un pezzo della storia. In grande sintesi, si sottolinea come l’energia del presidente della repubblica, Andry Rajoelia, stia dando i suoi frutti, soprattutto in termini di fiducia. Il Paese ottiene il sostegno dei donatori internazionali, assiste al gradito ritorno degli investitori, e insomma è evidente che qualcosa inizi a muoversi.

Tuttavia l’opposizione – tra l’altro sempre meno capace di attrarre l’elettorato – preferisce un contrasto radicale, e volto a destabilizzare, anziché a costruire. Ci si chiede così se l’obiettivo del leader moderato Marc Ravalomanana sia piuttosto quello di mettere in crisi lo sviluppo del Paese. E tuttavia il pezzo trascura un aspetto centrale dello scontro politico in atto, su cui dovremo necessariamente approfondire. Sì perchè il “cattivo” della storia – l’industriale caseario Ravalomanana – è pur sempre l’ex capo dello stato, che fu spodestato il 17 marzo 2009 dal golpe di Rajoelina. Insomma è naturale che – al di là delle pubbliche riconciliazioni – l’oppositore continui ad avere il dente avvelenato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...