La Grande île guarda verso l’Asia

Il Madagascar guarda verso l’Asia – non solo Cina, anche Giappone, India e Corea del sud – e l’Asia sta sgranando i suoi occhi verso il Madagascar. E’ noto da qualche tempo che la Cina sia il principale partner economico del Madagascar, e l’indicativo dato è stato riaffermato anche di recente, in ottobre, in occasione delle celebrazioni locali, per il settantesimo anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese. La festa si è svolta nell’Ambasciata di Pechino ad Antananarivo, alla presenza del ministro degli Esteri malgascio. Mentre l’Italia, che ha chiuso molto tempo fa la rappresentanza diplomatica in loco, deve solo contare sul Consolato onorario, retto da Michele Franchi.

 

Una struttura che comunque rappresenta un passo in avanti decisivo, rispetto alle Corrispondenze consolari previgenti. Tornando alla Cina: non è solo il principale fornitore di prodotti al Madagascar, ma è anche salda al quarto posto come destinataria dell’export locale. E tralasciando la montagna di denaro investito dai cinesi per autostrade, porti e ponti, va qui rammentato che anche il Giappone si dà da fare. Giorni fa Tokyo ha investito quasi 190mila euro in progetti sociali, ma si tratta di trasferimenti che ormai non fanno più notizia. Mentre l’India riconferma costantemente il proprio ruolo di alleata della Francia nell’oceano Indiano: manco a dirlo, in funzione anticinese.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...